Pesca

Uomo e Mare

Gli uomini, di fronte al mare, hanno sempre manifestato emozioni e sensazioni profonde e intense. Il mare ha contrassegnato sempre, il loro desiderio di conoscenza, la voglia di avventura e di divertimento. Dalle grandi esplorazioni ad inesauribile fonte di conoscenza, mistero, ma anche sorgente di vita come generoso e patrimoio di sostentamento e la pesca è divenuta nei secoli e nei millenni na delle fondamentali professioni dell'uomo. Oggi questo aspetto si è trasformatoin un'industria animata da flotte e commerci. Un'industria che purtroppo molto spesso sfrutta il mare e le sue ricchezze. L'inquinamento e la caccia sfrenata hanno fatto scomparire pre sempre centinaia di specie e svariate decide di altre si trovano ormai sull'orlo della definitiva estinzione.

Eppure quello del mare rimane rimane un mondo di straordinaria bellezza e di meraviglie, la cui conoscenza da parte dell'uomo è ancora limitata.

Attrezzi Consentiti

Lenze fisse: quali canne (massimo 5 canne per ogni pescatore con un massimo di 3 ami)

Lenze morte

Bolentini

Correntine (massimo 6 ami)

Lenze per cefalopodi

Canne per cefalopodi

Lenze a traino

Filaccioni

Nattelli per la pesca in superficie

Rastrelli (da usare a piedi)

Fiocina o arpione a mano / Fucili subacquei (vietata la cessione a minori di 16 anni)

Giacchio, rezzaglio o sparviero (perimetro massimo 16 metri)

Bilancia (lato massimo 6 metri, maglia minima 10 mm)

Coppo

Nasse (massimo 2 per barca)

Palangari fissi o derivati (massimo 200 ami per barca)

Limiti e Divieti

Limiti e Divieti

  • è vietata la vendita del pescato

  • è vietata la cattura giornaliera di pesci, molluschi e crostacei in quantità superiore a 5 Kg per ogni pescatore, salvo il caso di un esemplare di peso superiore

  • è vietata la cattura giornaliera di più di un esemplare di pesce di cernia (di qualunque specie) per ogni pescatore

  • è vietata la cattura giornaliera di più di un esemplare di tonno rosso per ogni imbarcazione autorizzata

  • è vietata la cattura giornaliera di più di un esemplare di pesce spada per ogni imbarcazione autorizzata

  • è vietata la raccolta giornaliera di più di 50 ricci di mare per ogni pescatore. Tale raccolta deve effettuarsi solo a mano ed in apnea e non nei mesi di maggio e giugno

  • è vietato catturare, detenere a bordo, trasbordare e sbarcare femmine mature (ovvero con uova) di astice e di aragosta. La pesca di astice e di aragosta è inoltre vietata dal 1 gennaio al 30 aprile

  • è vietato l'uso di una unità nautica diverse da quelle da diporto

  • è vietato l'uso del palangaro per la cattura di tutte le specie altamente migratorie (es.: tonno, pesce spada...)

  • è vietato pescare a distanza inferiore ai 500 metri dalle unità in attivirà di pesca professionale

  • è vietato l'uso di fonti luminose, ad eccezione della torcia nella pesca subacquea e della lampada nella pesca con la fiocina

  • la pesca subacquea è consentita soltanto in apnea. Ai fini esclusivi di sicurezza, è consentito avere a bordo del mezzo nautico una bombola della capacità massima di 10 litri

  • il pescatore subacqueo che opera con un mezzo nautico, deve essere costantemente seguito da almeno una persona pronta ad intervenire in caso di emergenza. Nel caso a bordo vi sia una bombola, si deve avere avere anche una cima di lunghezza sufficiente ad assicurare il recupero del medesimo pescatore

  • il pescatore subacqueo non può raccogliere coralli, crostacei e molluschi ad eccezione dei cefalopodi. L'autorizzazione alla raccolta dei mitili, nel quantitativo massimo di 3 Kg per persona al gioro, può essere rilasciata dal Capo del Compartimento Marittimo

  • è vietato l'esercizio della pesca subacquea a meno di 100 m dalle navi ancorate, dagli impianti fissi e dalle reti da posta ed a meno di 500 metri dalle spiagge frequentate dai bagnanti

  • è vietato l'esercizio della pesca subacquea in zone di mare destinate al regolare transito di navi per l'uscita e l'entrata nei porti ed ancoraggi

  • è vietato l'esercizio della pesca subacquea dal tramonto al sorgere del sole

  • è vietato tenere il fucile subacqueo carico se non in immersione

  • è vietato cedere il fucile subacqueo ai minori di 16 anni

Limiti e Divieti

Deroghe

La pesca sprtiva, ovvero quella praticata nell'ambito di competizioni, fatte salve le competenze e le attribuzioni spettanti alle Autorità di Pubblica Sicurezza, è subordinata all'autorizzasione del Capo del Compartimento Marittimo che, con apposita ordinanza, ne approva il programma e ne disciplina il regolare svolgiemento. I limiti giornalieri di cattura possono essere derogati.

Limiti e Divieti

Obblighi

Chiunque effettui la pesca dilettantistica ha l'obbligo di darne comunicazione, avente validità triennale, al Ministero delle Politiche Agricole e Forestali - Direzione Generale della pesca marittima e dell'acquacoltura ovvero all'Autorità Marittima.

La comunicazione può essere effettuata dall'interessato, anche per il tramite delle associazioni di settore, on-line attraverso il siro interent www.politicheagricole.gov.it ovvero presso l'Autorità Marittima.

Per praticare la pesca del tonno rosso e/o del pesce spada è, altresì, obbligatorio presentare al competente Ufficio Circondariale Marittimo, una specifica dichiarazione di esercizio di attività (con validità triennale, per il tonno rossoed annuale, per il pesce spada).

Il pescatore subacqueo deve segnalarsi con la bandiera rossa recante diagonale bianca e deve operare entro un raggio di 50 m dalla segnalazione.

I palangari debbono essere muniti di segnali costituiti da galleggianti di colore giallo, distanziati tra loro non più di 500 metri. Le estremità dell'attrezzo debbono essere munite di galleggianti di colore giallo, con bandiera gialla di giorno e fanale giallo di notte; tali segnali debbono essere visibili a distanza non inefriore a mezzo miglio.

Al fine di evitare l'applicazione di sanzioni di legge, nonchè per salvaguardia e la tutela della risorsa, tutte le catture che risulano al di sotto della taglia minima prevista dai regolamenti in materia, debbono essere rilasciate. Non è sanzionata la cattura accidentale di specie sotto taglia purchè vengano immediatamente rilasciate.

Mammiferi e Rettili

Pesci

Trofeo Pagello D'Oro

8 Dicembre 2019

Sede:

 Via lungomare di Pegli 22R   

16155 Genova

Rari Nantes Pegli 1948

Partita IVA: 00965950108

Telefono:       0106969362   

Fax:                0106969362

Mail:       rarinantes1948@libero.it

  • White Facebook Icon
  • White YouTube Icon
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now